Ma le punizioni sono davvero efficaci?

fumetto di Stefano Gorgone

Carissimo direttore,
tutti abbiamo sperimentato la difficoltà di educare i nostri figli nei primi anni della loro vita e durante l’adolescenza; purtroppo, ancora oggi non sono pochi coloro che si affidano solo al buon senso o ad indicazioni vaghe e sempre più mutevoli.

Questa nostra società dell’apparire e dell’estremo individualismo è alla frutta

fumetto di Salvino Caputo

Potrei scomodare migliaia di psicologi e psichiatri ad hoc, ma preferisco attenermi alla mia cinica osservazione quotidiana della gente che cammina per la strada, che acquista viveri e bevande nei supermarket, che fa il turno nelle farmacie per comprare medicine e ti guarda con sospetto se tu chiedi all’impiegata che devi eseguire un tampone oro-faringeo.

Covid, compartecipazione alle spese dei tamponi per non creare nuovi poveri

fumetto di Michele D'Amico

Il Decreto Legge n. 127 del 21 settembre 2021, recante “Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l'estensione dell'ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening”, all’articolo 1 detta “Disposizioni urgenti sull'impiego di certificazioni verdi COVID-19 in ambito lavorativo pubblico”.

Di cultura si mangia a condizione che si rispetti il costo beneficio di un evento

fumetto di Salvino Caputo

Di cultura si mangia e si vive, specialmente in una città come la nostra Monreale. Quello che conta e sta alla base dei grandi eventi culturali è il costo-beneficio delle iniziative culturali. A fronte di un costo “X” di un progetto culturale, deve sempre e categoricamente corrispondere un grosso introito finanziario per i nostri cari commercianti, artigiani, bar e tutte le categorie produttive della nostra Monreale.

Tutto e subito con un semplice clic

fumetto di Stefano Gorgone

Carissimo direttore,
durante questi mesi estivi ho avuto l’ opportunità di trascorrere tanto tempo con i miei quattro nipoti e di constatare quanto anche loro, purtroppo, subiscano l’influenza del web. Anche la più piccola di quattro anni si rintanava spesso nella realtà virtuale dei videogiochi costruiti apposta dal mercato per attrarre l’attenzione dei piccoli.