Come il mondo vero finì per diventare una favola

fumetto di Stefano Gorgone

Carissimo direttore,
nei giorni scorsi l'Istat ha confinato la Sicilia agli ultimi posti della classifica di coloro che frequentano librerie e biblioteche. Perché leggere saggi, libri, giornali, quando Facebook mette a disposizione notizie di prima mano? Perché impegnarsi e faticare per acquisire titoli di studio quando esiste Wikipedia?

La perenne lezione di monsignor Naro sulla legalità

fumetto di Stefano Gorgone

Carissimo direttore,
nel XXX anniversario della tragica uccisione di padre Pino Puglisi e nell'approssimarsi del XVII anniversario della scomparsa dell'arcivescovo monsignor Cataldo Naro ritengo doverosa una riflessione sull'impegno della Chiesa locale per fare maturare le coscienze contro il fenomeno mafioso.

La vera amicizia ti sostiene nelle cose che contano

fumetto di Stefano Gorgone

Carissimo direttore,
“Giulia è la mia migliore amica”, così mi dice la mia nipotina di 12 anni. Ed infatti con lei ha un rapporto che definirei intenso, esclusivo, totalizzante, con lei si intrattiene tanto tempo al telefono ed organizza saltuariamente dei pigiama party.

Giuseppe Toniolo, l'economista di Dio

fumetto di Stefano Gorgone

Carissimo direttore,
nella nostra città opera da diversi anni un Istituto di credito che porta il nome di Giuseppe Toniolo, una figura molto cara al nostro compianto arcivescovo monsignor Cataldo Naro, ma che è, a mio modesto avviso, pressoché sconosciuta alla maggioranza dei monrealesi.

Angelo Marceca, un amministratore serio, attento e lungimirante

fumetto di Stefano Gorgone

La sua era una politica fondata sul dialogo, sul confronto serio e costruttivo

MONREALE, 6 luglio – Angelo Marceca è stato un amministratore serio, attento e lungimirante. Nei momenti più difficili della vita politica della nostra città sapeva assumersi le proprie responsabilità e guidare con fermezza ed autorevolezza il partito della Democrazia Cristiana di cui era capogruppo.

I no e i sì che fanno crescere i bambini

fumetto di Stefano Gorgone

Carissimo direttore,
“Nonno, tu non ci crederai, ma io che sono piccola so farlo da sola!”. Così mi ha detto la mia nipotina di cinque anni nel constatare che avevo chiesto l'aiuto di mia moglie per indossare una maglia.