Carini, 22 indagati per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga

Le indagini della Dda partirono dal ferimento di due cavalli

CARINI, 20 gennaio – Nelle prime ore di stamattina, a Carini, Palermo, Isola delle Femmine, Capaci, Terrasini, Borgetto, Enna e Finale Emilia (MO), i carabinieri della Compagnia di Carini hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Palermo, sulla base delle risultanze investigative raccolte nel corso di un’indagine coordinata dalla Dda della Procura della Repubblica di Palermo, nei confronti di 22 soggetti (8 in carcere, 9 agli arresti domiciliari, 5 all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria), nei cui confronti sono state attribuite, a vario titolo, responsabilità penali in ordine alle ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, di spaccio e di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Spaccio di droga a Borgetto, dodici persone indagate

Per una sono stati disposti i domiciliari, per cinque l’obbligo di dimora e per sei la presentazione alla polizia giudiziaria

BORGETTO, 18 gennaio – Nelle prime ore di stamattina la Borgetto la compagnia carabinieri di Partinico, su delega della Procura della Repubblica di Palermo ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di 12 indagati (di cui 1 destinatario degli arresti domiciliari, 5 dell’obbligo di dimora nel Comune di residenza e 6 dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria) che, secondo il provvedimento, sarebbero responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti.

Le cartelle erano state regolarmente pagate, arriva un’altra assoluzione per Nunzio Giangrande

Il titolare di “Servizi Postali” si aggiudica un altro round della lunga vicenda che lo aveva visto protagonista

MONREALE, 15 gennaio – Il denaro per pagare la tassa sui rifiuti era stato regolarmente versato, ma l’importo non era mai arrivato alla Serit. La colpa, però, è da individuare a qualche disfunzione dell’ufficio postale di via Rocco Pirri a Palermo.

Riciclaggio di rottami metallici, sequestrate due società tra Palermo e Carini

Sequestrati, inoltre, beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa 1.100.000 euro

PALERMO, 29 dicembre – Nelle prime ore della giornata odierna i militari del Comando Provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Palermo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare reale (sequestro preventivo) emessa dall’Ufficio Gip del Tribunale di Palermo, nel corso dell’indagine preliminare diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Palermo nei confronti di due società con sede in Palermo e Carini operanti, rispettivamente, nel settore del recupero per il riciclaggio e nel commercio all’ingrosso di rottami metallici, poiché coinvolte nella ricettazione di materiali metallici di provenienza delittuosa e traffico illecito di rifiuti.

''Operazione Breccia'', un imprenditore denuncia il suo strozzino: le indagini partono così

Un monrealese coinvolto: avrebbe svolto il ruolo di mediatore. Aveva precedenti: già nel 2013, da arrestato, esercitava pressioni per ottenere pagamenti

PALERMO, 13 dicembre – L’operazione odierna, condotta dai carabinieri del Ros, con il supporto dei militari del Comando Provinciale di Palermo, del Nucleo Elicotteri e del Nucleo Cinofili, ha portato all’arresto di otto indagati (uno dei quali, nelle more, deceduto per cause naturali), gravemente indiziati, in concorso tra loro ed a vario titolo, di usura ed estorsione (tentata e consumata) aggravata dal cosiddetto metodo mafioso.

''Operazione Breccia'', sette arrestati tra Palermo e Monreale

Sono accusati di estorsione ed usura aggravate dal metodo mafioso

PALERMO, 13 dicembre – Dalla prime ore di questa mattina il Ros, con il supporto in fase esecutiva del comando provinciale carabinieri di Palermo, del nucleo elicotteri e del nucleo cinofili, sta dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Palermo, su richiesta dalla locale procura distrettuale antimafia e antiterrorismo, a carico di 7 persone.

Monreale, con l’operazione ''Carthago'' colpo al traffico di droga a Passo di Rigano: 12 arrestati

Un giro d’affari stimato in 500 mila euro

MONREALE, 1 dicembre – Alle prime ore di stamattina, a Palermo, i Carabinieri della Compagnia di Monreale hanno dato esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 12 persone, 6 in carcere e 6 agli arresti domiciliari, indagate, in concorso tra loro, per produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti.

Controlli durante il lockdown regolari, archiviata l’accusa a carico del maresciallo Benvenuto

L’ex comandante della stazione carabinieri di San Martino delle Scale era stato denunciato dal titolare di una pasticceria monrealese

PALERMO, 29 novembre – Non ci fu abuso, né falso, né violenza privata. Quei controlli durante il lockdown del 2020 furono eseguiti senza irregolarità. Lo ha stabilito il Gip Clelia Maltese del tribunale di Palermo, che ha confermato l’archiviazione a carico dell’ex comandante della stazione carabinieri di San Martino delle Scale, maresciallo Eugenio Benvenuto.

Monreale, blitz dei carabinieri nei centri di raccolta rifiuti: trovate sostanze stupefacenti, un arresto

I militari si sono avvalsi dell’ausilio di una unità cinofila

MONREALE, 4 novembre – Al termine di un’azione articolata presso i punti di raccolta dei rifiuti cittadini, i carabinieri di Monreale stamattina hanno tratto in arresto un uomo. Si tratta di un dipendente della ditta Ecolandia, del quale non sono state rese note ancora le generalità.

La Regione lo aveva cancellato dagli elenchi dei forestali, il tribunale lo reintegra

Protagonista un operaio stagionale, escluso a causa di una precedente condanna penale

PALERMO, 29 novembre – “Nel marzo del 2016 S.A., operaio forestale stagionale, era stato cancellato dagli elenchi vigenti delle graduatorie dei lavoratori della Forestale a seguito del provvedimento voluto dall’allora presidente della Regione Rosario Crocetta in quanto soggetto colpito da condanna penale, divenuta irrevocabile.

Le illazioni di Giletti ai Campanella non possono essere archiviate, il tribunale respinge la richiesta della Procura

Il Gip ordina l’acquisizione di documenti

 

ROMA, 25 novembre – Il Giudice per le Indagini Preliminari del tribunale di Roma ha respinto la richiesta di archiviazione presentata dalla Procura della Repubblica di Roma a favore di Massimo Giletti per la vicenda relativa alla presunta diffamazione della famiglia Campanella di Monreale.

Interviene la prescrizione, prosciolti i dirigenti dell’ex Ato per la discarica di Camporeale

Sul banco degli imputati sono stati gli ex liquidatori Roberto Terzo, Franco Vetrano e Gioacchino Castronovo insieme ai dirigenti Valentina Messina, Antonino Rizzo e Giuseppe Di Martino

PALERMO, 26 ottobre – Si chiude con l’intervenuta prescrizione il processo penale per reati ambientali a carico di ex liquidatori e dirigenti della fallita società Alto Belice Ambiente ATOPA2.