Studio Radiologico Gargano

Smantellata la banda della truffa delle pietre preziose, ai domiciliari quattro persone

Le loro vittime preferite erano le persone anziane. IL VIDEO e le FOTO degli arrestati

BAGHERIA, 20 ottobre – Nella mattinata odierna, a Palermo e Osio Sotto, provincia di Bergamo, i carabinieri della Stazione di Bagheria, con la collaborazione, nella fase esecutiva, dei militari della Stazione di Osio Sotto, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa del Gip presso il Tribunale di Termini Imerese, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 4 soggetti, che tra Bagheria e Ficarazzi, nel periodo compreso tra agosto e settembre scorsi, si sono resi responsabili di truffe aggravate nei confronti di persone anziane.

Corleone: maltrattamenti sui bambini, sospesa insegnante di scuola materna

Con l'installazione delle telecamere è stato possibile fare luce sui fatti. IL VIDEO

CORLEONE, 14 ottobre – Stamattina, i militari della Stazione carabinieri di Corleone hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare della sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio nei confronti di una insegnante di 54 anni di scuola materna, con conseguente interdizione per dodici mesi da tutte le attività inerenti al suo incarico, per maltrattamenti verso i fanciulli.

Ex Ato Palermo 2, per il giudice del lavoro ha ragione la ditta Mirto: restano fuori i dieci dipendenti non assunti

Avevano fatto ricorso appellandosi alla cosiddetta “clausola di salvaguardia”

PALERMO, 4 ottobre – Non verranno assunti i dieci dipendenti della fallita “Alto Belice Ambiente spa”, che erano rimasti fuori al momento dell’affidamento del servizio, tuttora vigente, alla ditta Mirto, che si occupa dello smaltimento dei rifiuti per conto del Comune di Monreale. Lo ha stabilito nel giudizio di primo grado il tribunale di Palermo, sezione del Lavoro, che con una sentenza del giudice Matilde Campo, ha rigettato il ricorso che era stato presentato e che chiedeva l’immissione in servizio.

Continuavano a gestire il centro commerciale Portobello anche in amministrazione giudiziaria: cinque persone arrestate

L’accusa è di intestazione fittizia, favoreggiamento, estorsione aggravata dal metodo mafioso

PALERMO, 3 ottobre – Questa mattina, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo hanno arrestato cinque persone ritenute responsabili di intestazione fittizia di beni, favoreggiamento personale e reale e estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Accusato di avere intrattenuto una relazione con un’alunna minore, ai domiciliari un insegnante di Partinico

Decisive le chat con la ragazza su Messenger

PARTINICO, 29 settembre – Nella serata di martedì i militari della Compagnia di Partinico hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dall’ufficio Gip del Tribunale di Palermo nei confronti di un 47enne docente presso un istituto scolastico superiore, ritenuto responsabile di aver compiuto atti sessuali con una propria alunna di età inferiore a 16 anni con la quale intratteneva una relazione sentimentale.

Il tribunale lo ritiene incapace, prosciolto dalle gravi accuse Salvatore Salvia

Continua, invece, il processo a carico del fratello Massimiliano

PALERMO, 26 settembre – E’ stato ritenuto incapace e pertanto prosciolto dalle pesantissime accuse mosse contro di lui a proposito della vicenda che risale al febbraio del 2015, quando assieme al fratello Massimiliano era stato arrestato al termine di un violento alterco con dei cittadini bengalesi per una questione legata al commercio in via Torres. Adesso, quindi, Salvatore Salvia, non appena la sentenza sarà definitiva, sarà sottoposto alla misura della libertà vigilata per un anno.

San Martino, causò un rogo di 16 ettari di terreno: accusato di incendio doloso

I carabinieri notificano l’avviso di conclusione indagini al 61enne M.V.

MONREALE, 22 settembre – È stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari a M.V., monrealese, sessantunenne, ritenuto responsabile dell’incendio che, il 15 e16 giugno del 2016, partendo dal Monte Caputo di San Martino delle Scale si è propagato fino a Piano Geli, danneggiando anche parte delle mura più esterne del Castellaccio.

Rapina ieri sera al Baglio Conca d’Oro di Aquino

Ennesimo colpo, il 14° in un mese, del rapinatore seriale di alberghi

MONREALE, 22 settembre – Rapina, anche se, fortunatamente, di piccola entità economica, ieri sera nell’albergo “Baglio Conca d’Oro” di Aquino. A metterla a segno quello che ormai è diventato il rapinatore seriale di alberghi a Palermo. Il malvivente che stavolta non ha colpito di mattina, ma di sera, indossava il casco.

Tenta il furto in appartamento, nei guai ex pioppese tunisino

Dopo l’arresto Amami Montassar si è visto infliggere l’obbligo di firma

PALERMO, 27 agosto – Aveva sostenuto di volersi introdurre in quella casa non per rubare al suo interno, ma per trovare dimora, considerato che la sua l’aveva persa, così come la famiglia. Così aveva tentato di difendersi Amami Montassar, cittadino tunisino, vecchia conoscenza del comprensorio monrealese, per aver abitato per lungo tempo a Pioppo.

Spaccio di droga, i carabinieri arrestano due giovani

Cocaina e marijuana le sostanze sequestrate dai militari

MONREALE, 23 agosto – I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Monreale, impegnati in una serie di servizi di controllo, hanno tratto in arresto Christian Madonia, 28enne palermitano, volto noto alle Forze dell’ordine, che, al momento del controllo ha provato a disfarsi di una busta da 10,5 grammi di cocaina e di una dose della stessa sostanza da 0,6 grammi. Per questo motivo è stato accompagnato presso il carcere Pagliarelli di Palermo, in attesa della convalida, a seguito della quale è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Era stato accusato di stalking ed affidato ad una struttura riabilitativa, adesso torna a casa in libertà vigilata

S.S., trentenne, era stato giudicato incapace di intender e di volere

MONREALE, 6 agosto – Torna a casa, in regime di libertà vigilata, S.S, il trentenne monrealese per il quale un anno fa il tribunale aveva disposto il soggiorno presso la struttura riabilitativa di Messina, a seguito del suo arresto eseguito dai carabinieri di Monreale, dovuto ai comportamenti persecutori che il giovane avrebbe attuato nei confronti di una ragazza della quale si era invaghito.

Truffa per ottenere il tesserino venatorio, i carabinieri denunciano 35 persone

Avrebbero falsificato dei documenti

PALERMO, 20 settembre – I carabinieri forestali del Centro Anticrimine Natura di Palermo hanno deferito alla Procura della Repubblica di Palermo 35 persone per truffa aggravata ai danni dello Stato e della Regione Siciliana, nonché uso di atti falsi. La truffa realizzata dagli indagati, riguardava l’esercizio dell’attività venatoria.

Lavoratori in nero nelle campagne di Monreale, dai carabinieri sanzioni per 63 mila euro

L’azione dei militari in sinergia con l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Palermo

PALERMO, 25 agosto – I carabinieri del Nucleo Operativo del Gruppo Tutela Lavoro di Palermo, in collaborazione con i colleghi del N.I.L. di Palermo e l’ausilio del Nucleo Elicotteri di Palermo, hanno effettuato controlli in tre aziende agricole, scoprendo 21 lavoratori in nero di cui due minori ed elevando sanzioni da 63.000 euro per tre titolari.

San Giuseppe Jato, furetti custoditi non a norma, sanzionato un allevatore

I controlli dei carabinieri in occasione della tradizionale fiera del bestiame

SAN GIUSEPPE JATO, 18 agosto - Lo scorso Ferragosto, in occasione dell’ormai tradizionale fiera degli animali che si svolge annualmente a San Giuseppe Jato, giunta ormai alla 237^ edizione, i carabinieri Forestali del Centro Anticrimine Natura di Palermo, assieme a militari della Stazione locale, hanno effettuato una serie di controlli finalizzati a verificare il rispetto della normativa in materia di benessere animale da parte degli operatori commerciali presenti nonché il rispetto della normativa in materia di commercio e detenzione di specie di fauna in via di estinzione tutelata dalla Convenzione di Washington.

Avevano due chili di eroina e quattro di marijuana, tre arrestati: facevano base a Pioppo

Alloggiavano presso l’abitazione di un cittadino locale

PALERMO, 4 agosto - Un duro colpo al traffico di sostanze stupefacenti è stato messo a segno dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di San Lorenzo. Il quantitativo di droga sequestrato è di quattro panetti di eroina pura del peso complessivo di circa due chili ed altri quattro chili di marijuana.