Condannato per ingiuria e diffamazione, assolto in Cassazione

Si conclude una lunga vicenda giudiziaria che ha riguardato il monrealese Castrense Ganci

ROMA, 8 giugno – Nel 2017 era stato condannato dal Giudice di Pace ad una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione, pena confermata poi in sede di appello. Adesso, Castrense Ganci, 63 anni, commissario capo del Comando di Polizia Municipale di Monreale, è stato assolto in Cassazione.

San Cipirello, l’ex sindaco Geluso attende il giudizio sulla sua incandidabilità

Assieme a lui gli ex assessori Giuseppe Clesi e Floriana Russo

SAN CIPIRELLO, 6 giugno – "C’è attesa per la decisione del Tribunale sull’incandidabilità dell’ex sindaco Vincenzo Geluso e degli ex assessori Giuseppe Clesi e Floriana Russo. Ieri si è tenuta l’udienza davanti la prima sezione del Tribunale civile collegiale di Palermo. Alla quale non era però presente l’avvocatura dello Stato.

San Giuseppe Jato, prodotti ritenuti non sicuri, più di 10 mila articoli sequestrati

Il titolare dell’esercizio rischia una sanzione fino a 25 mila euro

SAN GIUSEPPE JATO, 5 giugno – Nei giorni scorsi, i finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Partinico nell’ambito dei servizi di controllo del territorio tesi a garantire l’osservanza della normativa in materia di prezzi e sicurezza prodotti connessi alla grave emergenza epidemiologica da COVID-19, hanno effettuato presso un’attività commerciale ubicata a San Giuseppe Jato (PA), un sequestro di 10.832 articoli da ufficio in quanto privi delle informazioni minime previste dal Codice di Consumo.

Il cane fiuta, i carabinieri trovano 4,5 chili di marijuana: in manette due paermitani

Per loro l’accusa è detenzione e spaccio di stupefacenti

MONREALE, 5 giugno – I carabinieri del Comando Provinciale, durante un servizio di controllo del territorio a Monreale, finalizzato anche al contrasto dello spaccio di droga, hanno arrestato Z.D. 43enne e C.E. 28enne, entrambi palermitani e già noti alle forze dell’ordine, per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’hashish era a basso principio attivo, la condanna arriva ''solo'' a 4 mesi

G.P., monrealese, ne deteneva 500 grammi, ma passa il principio della “modica quantità”. Il piemme aveva chiesto 2 anni

MONREALE, 28 maggio – Era stato fermato per un controllo dai Carabinieri della Compagnia di Palermo San Lorenzo mentre si trovava alla guida della propria autovettura. I militari insospettiti dal comportamento di G.P.,43 anni, residente a Monreale avevano sottoposto a perquisizione l’autovettura.

Mafia, colpo alla cosca di Misilmeri: 8 arresti

Con l’operazione “Cassandra” disarticolata una consorteria criminale nel centro palermitano

MISILMERI, 27 maggio – Questa mattina, a Palermo, i carabinieri del Comando Provinciale hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari emessa dall’Ufficio Gip del Tribunale di Palermo su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Palermo, nei confronti di 8 indagati (6 in carcere e 2 ai domiciliari), ritenuti a vario titolo responsabili di associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale.

Furti tra Camporeale e Partinico: I NOMI e LE FOTO degli arrestati

8 persone sono finite in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 4 sottoposte all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria

PARTINICO, 25 maggio – Questi gli arrestati nel corso del’operazione condotta dai carabinieri di Partinico al termine della quale sono stati emessi 15 provvedimenti cautelari: 8 in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 4 sottoposizioni all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziria emessa dal GIP del Tribunale di Palermo.

Partinico, furti di cavi di rame, batterie e atti sessuali con minore: 15 misure cautelari

8 persone sono finite in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 4 sottoposte all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria

PARTINICO, 25 maggio – Nella prima mattinata odierna, la Compagnia carabinieri di Partinico ha eseguito un’ordinanza di applicazione di 15 misure cautelari (8 in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 4 sottoposizioni all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria).

Non doveva essere escluso dagli elenchi dei forestali, il tribunale dà ragione a Giuseppe Campanella

Il divieto di poter intrattenere rapporti con la Regione era già venuto meno. Una vicenda nata dalla trasmissione "L'Arena" di Giletti

PALERMO, 22 maggio – Il decreto emesso nel 2016 dall’Assessorato regionale alla Famiglia che disponeva la cancellazione dagli elenchi vigenti dei lavoratori forestali che avevano riportato condanne per reati legati alla criminalità è stato dichiarato illegittimo dal giudice del Lavoro presso il Tribunale di Palermo.

Mafia: sequestrati beni a Onofrio Buzzetta per 200 mila euro

Il provvedimento emesso dal Tribunale di Palermo, Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Procura della Repubblica

PALERMO, 21 maggio – I carabinieri hanno eseguito un provvedimento di sequestro beni, per un valore complessivo di circa 200.000 euro, emesso dal Tribunale di Palermo, Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di Onofrio Buzzetta, 46 anni.

Partinico: piantagione indoor, arrestato 58enne

Gli stupefacenti erano alimentati abusivamente dalla rete elettrica

PARTINICO, 15 maggio – I Carabinieri di Palermo, durante un servizio antidroga, hanno tratto in arresto per il reato di coltivazione, detenzione ai fini di spaccio e furto aggravato R.A. 58enne del luogo. Nel corso delle attività, i militari hanno eseguito una perquisizione a Partinico presso l’abitazione dell’arrestato, all’interno della quale aveva allestito una serra per la coltivazione “indoor” di marijuana, rinvenendo oltre 200 piante alte circa 25 centimetri.

La love story finisce in tribunale: monrealese condannato a otto mesi

L’accusa era quella di tentata violazione di domicilio, poi “mitigata” in tentata violenza privata

MONREALE, 25 aprile – Quella casa era il nido d’amore per una coppia che tra quelle mura consumava quotidianamente la propria relazione di passione. Non era quindi solo l’abitazione di lei. Con questa motivazione per E.P, un monrealese di 38 anni, è venuta meno la gravissima accusa di tentata violazione di domicilio, derubricata in una ben più leggera tentata violenza privata.

Mafia, confiscati beni per 150 milioni di euro nei confronti di Andrea Impastato

Ci sono pure terreni nel comune di Monreale

PALERMO, 22 maggio – Ci sono pure alcuni terreni edificabili e non, ubicati nel comune di Monreale, tra i beni immobili sottratti ad Andrea Impastato, 72 anni, originario di Cinisi, destinatario di un decreto di confisca di primo grado eseguito dalla Polizia di Stato, e deciso - su proposta del Procuratore della Repubblica di Palermo – dal Tribunale, sezione Misure di prevenzione.

Corruzione e appalti pilotati nella Sanità siciliana: 10 persone arrestate

Operazione “Sorella Sanità”: due in carcere, gli altri ai domiciliari. Sequestrate imprese e disponibilità finanziarie

PALERMO, 21 maggio – Su delega della Procura della Repubblica di Palermo, i finanzieri del locale Comando Provinciale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale del capoluogo nei confronti di 12 soggetti, a vario titolo indagati per corruzione, per atti contrario ai doveri di ufficio, induzione indebita a dare o promettere utilità, istigazione alla corruzione, rivelazione di segreto di ufficio e turbata libertà degli incanti.

Misilmeri, colpi di accetta contro l’ex moglie: arrestato palermitano

L’intervento dei familiari e dei carabinieri ha evitato il peggio

MISILMERI, 13 maggio – I carabinieri della Stazione di Misilmeri hanno arrestato S.A. palermitano 45enne con l’accusa di atti persecutori, tentato omicidio e porto di armi o oggetti atti ad offendere. I fatti risalgono alla sera dello scorso 8 maggio quando, a Misilmeri, l’uomo, recatosi sotto l’abitazione dei familiari della ex moglie, è stato raggiunto dalla donna e dal suo nuovo compagno.

Mafia, confiscati i beni ad Antonio Badagliacca

La decisione è della sezione Misure di prevenzione del Tribunale. Alcuni beni sono stati restituiti ai familiari

MONREALE, 29 aprile – Nel 2011 i beni erano stati sequestrati, adesso arriva la confisca. Il patrimonio, quindi, passa allo Stato. Sono quelli di Antonio Badagliacca, 74 anni ritenuto per diverso tempo il reggente della famiglia mafiosa di Monreale. Ne dà notizia stamattina il giornale di Sicilia in un articolo a firma di Riccardo Arena.

Rifiuti, il Cga accoglie l’appello del Prefetto: negata la sospensiva alla Mirto

In primo grado la ditta aveva messo a segno il primo punto

PALERMO, 22 aprile – Una nuova, importante tappa nella questione riguardante l’affidamento del servizio di smaltimento rifiuti nel territorio di Monreale. Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, in sede giurisdizionale, con dispositivo che porta la data di ieri, accoglie l'appello proposto dalla Prefettura di Palermo e, per l'effetto, in riforma dell'ordinanza impugnata, respinge l'istanza cautelare proposta in primo grado.