Coronavirus, 783 nuovi casi in Sicilia. In affanno gli ospedali palermitani

L’emergenza Covid continua a fare registrare tassi di sovraffollamento nelle strutture di Palermo e provincia

PALERMO, 6 aprile – La pandemia da coronavirus torna a fare pressione sugli ospedali, sia nel capoluogo che in provincia. L’ospedale Cervello è interessato da un generico sovraffollamento dei reparti, e versa in condizioni altrettanto critiche anche il pronto soccorso del Civico di Partinico.

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, oltre ad aver proclamato la zona rossa per Palermo, ha prorogato tale provvedimento in un altro comune della provincia: si tratta di Caltavuturo, in cui le restrizioni resteranno vigenti fino al 14 aprile. Alla data del 4 aprile, secondo quanto si apprende dalla pagina Facebook dell’amministrazione comunale, Caltavuturo contava rispettivamente 11 soggetti in regime di ospedalizzazione e 26 in isolamento domiciliare.
Oggi sono stati 783 i casi di positività al Covid-19 registrati nell’Isola, su 5.270 tamponi molecolari e 6.499 test rapidi effettuati. Il bollettino odierno segnala 13 vittime e 23 dimessi guariti, mentre il numero degli attuali positivi si attesta a 24.452 unità. Di questi, 1.242 sono ricoverati in degenza ordinaria (+59) e 160 in terapia intensiva (+2). In tutta la nazione sono stati riscontrati 7.767 nuovi contagi e 421 vittime.