Addio, Dorino, continuerai a pedalare lassù

Una grande folla ha voluto rendere l’ultimo saluto al medico morto per una misteriosa caduta dalla bici. LE FOTO

MONREALE, 10 agosto – Sulla bara c’era la maglia della sua vecchia squadra, la Polisportiva Libertas Montegrappa di Palermo, quella che indossava quando da giovane sprintava nelle corse più importanti per dilettanti e quando portava a casa prestigiosi trofei.

Una folla oceanica ha voluto rendere omaggio stamattina a Dorino Giangreco, che se ne è andato martedì, al termine di un calvario lungo, cominciato il 13 luglio scorso, dopo una misteriosa caduta dalla sua bici, mentre, come faceva quasi ogni giorno, effettuava la sua uscita per pedalare e per mantenersi in forma.
E la bici, da sempre, oltre alla sua famiglia ed alla sua professione, era il suo mondo e la sua passione. Sempre in giro per le strade del circondario, sempre pronto ad affrontare le salite e le difficoltà tanto dei pedali, quanto della vita. Così è stato ricordato il medico-ciclista, al quale oggi la comunità monrealese ha voluto rendere l’ultimo saluto.
Nella chiesa di San Castrense, una delle più grandi di Monreale, non c’entrava più nemmeno uno spillo e a causa dell’affluenza così massiccia di amici e conoscenti, malgrado il caldo torrido, ancor prima che iniziasse il rito funebre si capiva subito come questa fosse insufficiente ad ospitare la moltitudine di gente che ha voluto salutare Dorino per l’ultima volta.

Il compito di alleviare il dolore dei familiari è toccato al garbo ed alla sensibilità delle parole di don Antonio Crupi, parroco di San Castrense, che nell’affidare Isidoro Giangreco alla misericordia di Dio ed invitare tutti alla speranza, per salutare Dorino Giangreco ha citato le parole di Sant’Agostino: “Signore – ha detto il parroco – non ti chiediamo perché ce lo hai tolto, ma ti ringraziamo per avercelo dato”. Il momento dell’aspersione della bara è stato salutato dalle note toccanti del flauto traverso che intonava “Fratello sole, sorella luna”. Poi il feretro di Giangreco è stato accompagnato da un lungo corteo che, come spesso succede, si è concluso alle porte della cittadina, prima della tumulazione.

 

Commenti  

#1 PAOLO MANNO 2017-08-10 18:33
Un doveroso e sentito omaggio alla memoria del collega scomparso. Resta il ricordo professionale e umano in chi lo ha conosciuto , e , non meno importante , resta l'esempio per le giovani generazioni di un amante dello sport e dei valori positivi ad esso correlati.
Citazione
#2 giangreco 2017-08-11 08:58
sentite condoglianze anna viola antonella giangreco figli di giovanni giangreco di torino con menso dolore della sua scompara ai figli e alla moglie
Citazione
#3 giangreco 2017-08-11 09:09
volevamo ringraziare a dorino a dorino che a saputo curare mio padre giovanni che era malato di tumore che quando lo chiamava era sempre disponibile sino alla fine ciao dorino grazie anna., viola,. antonella
Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna