Regione: la giunta impugna legge statale di bilancio

Musumeci: “Si trovi una soluzione ragionevole senza nulla togliere al dovere di risanamento della finanza pubblica”

PALERMO, 23 febbraio – La giunta regionale ha impugnato, con atto formale, la legge di bilancio dello Stato per il 2018, nella parte in cui introduce oneri finanziari a carico della Regione Siciliana e delle ex Province regionali.

“In particolare - spiega l’assessore all’Economia, Gaetano Armao - si contesta la legittimità costituzionale nella parte che impone una riduzione della spesa anche per i settori vitali dello sviluppo economico e le previsioni che determinano un prelievo forzoso sugli enti intermedi per complessivi 200 milioni di euro circa”.
“In sede di negoziato a Roma sull’autonomia finanziaria - auspica il presidente della Regione, Nello Musumeci - si trovi una soluzione ragionevole che, senza nulla togliere al dovere di risanamento della finanza pubblica, consenta alla più povera Regione italiana di attivare gli essenziali strumenti di sviluppo”.

 

FORM_HEADER

FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH