"Disattenzione=Discriminazione": una mostra itinerante sul tema della disabilità

È visitabile al liceo artistico “Mario D’Aleo” fino al prossimo 30 marzo

MONREALE, 20 marzo – Si è svolta lunedì scorso, presso i locali del liceo artistico “Mario D’Aleo” di Monreale l’inaugurazione della mostra itinerante dal titolo "Disattenzione=Discriminazione", alla presenza delle autorità e figure professionali che ruotano attorno al mondo della disabilità.

La mostra, itinerante, ha l’obiettivo di porre il focus sulle persone con disabilità e ha come tappe principali i Comuni in cui è istituito un ufficio per il garante a tutela dei diritti delle persone con disabilità. L’esposizione, partita da Palermo, si è già tenuta a Trapani e a Partinico e rimarrà a Monreale aperta al pubblico fino al 30 marzo prossimo. Successivamente si sposterà nei comuni di Acireale, Corleone, Ciminna, Prizzi, Bisacquino, Ugento in Puglia, Livorno e in tutti i comuni nei quali è istituita la figura del garante della persona disabile.
Al vernissage erano presenti Salvatore Di Giglia, presidente dell’Ufficio Nazionale del Garante della Persona Disabile Onlus, Salvatore Porrovecchio, garante della persona disabile del comune di Monreale, Angelo Granà presidente dell’associazione MonsRealis, Gaetano Glorioso, consigliere nazionale del garante della persona disabile, l’assessore alla Cultura Giuseppe Cangemi e Gigliola Genovese, coordinatrice docenti specializzati sul sostegno.

A inaugurare la mostra è stata Concetta Giannino, dirigente del liceo “Basile-D’Aleo”. L’appuntamento, nelle intenzioni degli organizzatori, deve essere un input per dare inizio a qualcosa che abbia una durata nel tempo e che abbia al centro i bisogni del disabile. Si cercherà di mettere a punto un progetto culturale, mettendo anche a disposizione i locali della scuola, per permettere la socializzazione e l’arricchimento personale dei ragazzi con disabilità. “Il dopo di noi, noi inteso come scuola – ha detto la dirigente- è il momento in cui questi ragazzi possono incontrarsi al di fuori dell’orario scolastico per socializzare e continuare ad apprendere, il cui scopo è anche la loro introduzione nel mondo del lavoro.
Per Salvatore Di Giglia: “L’obiettivo che si prefigge è quello di tutelare i diritti delle persone disabili e di aprire più uffici del garante in più comuni d’Italia”. Di Giglia, inoltre, ha chiesto all’amministrazione comunale, rivolgendosi all’assessore Cangemi, di impegnarsi a portare avanti i lavori per consegnare, entro la fine della mostra (30 marzo), la sede dell’ufficio del garante della persona disabile di Monreale”.
Angelo Granà, invece, ha sottolineato “come sia è necessario tenere alta l’attenzione sul tema della disabilità. Le opere denotano già la grande sensibilità delle persone diversamente abili e noi dobbiamo servirci delle istituzioni nell’opera di sensibilizzazione”.
Gaetano Glorioso, consigliere nazionale del garante della persona disabile, si è soffermato “sulle regole dell’hockey su carrozzina elettrica e ha ribadito la funzione fondamentale e gioiosa dell’attività sportiva praticata dalle persone con disabilità grave. I ragazzi con disabilità hanno la possibilità di praticare diverse discipline sportive. Basta scorrere il sito del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) per avere informazioni sulle varie discipline”.

Salvatore Porrovecchio: ha trattato l’importanza dell’ufficio del garante, compiti e tutela in favore di persone con disabilità.
“È necessario vedere il soggetto diversamente abile non solo nella sua dimensione sanitaria . ha detto - come destinatario di cure. Se si da piena possibilità di integrazione al soggetto in difficoltà si possono spostare decimali del PIL di una nazione. Il soggetto con disabilità può fruire degli stessi servizi che fruisce un normodotato. Ciò significa avere una qualità di vita che non sia la sola dimensione sanitaria perché i soggetti diversamente abili hanno anche tanti talenti ed è necessario mettere in condizione il soggetto disabile di accedere al mondo del lavoro”.
Gigliola Genovese ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito sia alla realizzazione della mostra che alla realizzazione delle opere da aggiungere alla mostra itinerante. Ha illustrato il significato delle opere e le tecniche utilizzate dai ragazzi per la loro realizzazione.
Gli alunni del liceo “Basile-D’Aleo” in collaborazione con i docenti, infine, hanno esposto alcune opere, fra cui va menzionato il pannello degli alunni del liceo artistico, realizzato con inserti in mosaico su supporto ligneo. Quest’opera dal titolo “Puzzle -Ergo Sum”, arricchirà le opere presenti alla mostra itinerante in tutta Italia.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna