Palermo, tentativo di rapina finisce nel sangue: ucciso un cittadino bengalese

Arrestati due suoi connazionali: il decesso al termine di una colluttazione

PALERMO, 12 marzo - La Polizia di Stato, stamani, ha arrestato, in flagranza del reato di omicidio, due cittadini bengalesi. L’antefatto sarebbe stato rappresentato da una incursione notturna a scopo di rapina, realizzata da un cittadino extracomunitario, poi deceduto.

Accusati del suo omicidio sono Abdul Matin 44 anni e Kabir Humayun 41, entrambi bengalesi, addetti ad un negozio di alimentari di proprietà di un loro connazionale in via Maqueda. Quanto accaduto è stato ricostruito dai poliziotti della Squadra Mobile che, senza sosta, da questa notte, hanno ascoltato testimoni e visionato immagini dell’area interessata e limitrofa all’aggressione: intorno alle 2, Abdul e Kabir sarebbero stati sorpresi da un uomo che aveva in precedenza impugnato una bottiglia ed aveva intimato di consegnargli il denaro dell’esercizio. I due avrebbero reagito e ne sarebbe nata una colluttazione, a conclusione della quale avrebbe avuto la peggio il rapinatore, colpito con un bastone. Il Kabir, lo avrebbe immobilizzato a terra, tenendolo stretto per il torace, con la faccia rivolta a terra ed il complice lo avrebbe percosso, continuando ad infierire. La vittima avrebbe tentato di resistere alla presa, scalciando fin quando non avrebbe più dato segni di vita.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna