Minorenni, ma già abili rapinatori: tre ragazzini arrestati a Palermo

Sarebbero i responsabili di numerose rapine ai danni di esercizi commerciali del capoluogo

PALERMO, 23 gennaio - La Polizia di Stato, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni, ha proceduto al “Fermo di indiziato di delitto” nei confronti di 3 minorenni palermitani ritenuti responsabili di numerose rapine, aggravate dall’utilizzo di pistola e coltello, commesse in un arco temporale ricompreso tra il 7 dicembre ed il 17 gennaio scorsi, ai danni di esercizi commerciali del centro cittadino ed in un caso in danno di un passante, sorpreso mentre si trovava a bordo della propria autovettura in via Cappuccini, colpito alla testa ed alla bocca con il calcio di una pistola e rapinato dei soldi che portava addosso, circa 3.250 euro.

Tutti gli episodi contestati al gruppo di giovani criminali, che avevano fruttato loro un bottino complessivo di circa 6.500 euro, avevano destato particolare allarme sociale per il modus operandi particolarmente cruento dei malviventi, che minacciavano le vittime con pistole e coltelli.
Questi i singoli esercizi presi di mira dal gruppo:
1. Farmacia “Cucchiara” di via Imera n. 1/b, rapinata il 9 dicembre 2018, con un bottino di 535 euro.
2. Negozio di abbigliamento “Freejoy” di via Contessa Adelasia n. 4, rapinata ben due volte, rispettivamente, il 7 dicembre 2018, con un bottino di 700 euro ed il successivo 14 dicembre, con un bottino di 100 euro.
3. Supermercato “Conad” di via Gaetano La Loggia rapinato l’11 gennaio 2019, con bottino di circa 1.800 euro.
4. La già citata rapina perpetrata ai danni di un passante lo scorso 17 gennaio in via Cappuccini.
Le serrate indagini compiute dai “Falchi” della sezione “Contrasto al crimine diffuso“ della Squadra Mobile, hanno evidenziato la particolare spregiudicatezza dei componenti della banda i quali, spesso travisati ed armati di coltello o pistola colpivano gli esercizi commerciali di questo centro, in un caso per ben due volte a distanza di una settimana.
In ordine all’ultima rapina compiuta i tre giovani sono stati denunciati anche per il reato di lesioni, per aver cagionato alla vittima ferite lacero contuse alla testa ed alla bocca.
Al termine delle formalità di rito i componenti del gruppo criminale sono stati condotti presso il carcere “Malaspina” di Palermo.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna