Palermo, ieri si è celebrata la giornata mondiale della salute mentale

A Sala delle Lapidi si è tenuto un interessante incontro

PALERMO, 11 ottobre – Ieri mattina presso Sala delle Lapidi, sede del Consiglio comunale di Palermo, si è tenuta la conclusione della giornata mondiale della salute mentale.

Presenti numerose associazioni, che già avevano partecipato domenica scorsa alla manifestazione di via della Libertà e che approfittando della presenza del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dell’assessore regionale alla Famiglia Carmencita Mangano, dell’assessore comunale Mattina, del consigliere Giulio Cusumano e dei direttori del dipartimento Salute Mentale dell’ASP 6 di Palermo, dottor Sanfilippo e dottor Serio, hanno affrontato i temi propri della problematica.
Accorato e incisivo l’intervento della presidente dell’associazione “Meravigliosamente” Anna Maria Esposito, sempre presente e combattiva come l’intervento di Antonino Raro (laurea in economia e commercio), soggetto con disagio mentale, che ha affrontato con chiarezza ed esaurientemente tutta la normativa vigente, italiana ed europea.
Il consigliere Giulio Cusumano ha evidenziato che nella passata legislatura era stato approvato il regolamento che consente di utilizzare la quota del 3% delle risorse relative agli appalti pubblici a favore dei soggetti con disagio mentale, attualmente esclusi dalla normativa vigente e che riproporrà adesso ad inizio della nuova legislatura al fine di arrivare all’approvazione da parte del Consiglio Comunale, affiancandosi così alla città di Catania ove è già operante e ad altre città d’Italia.
Sia il sindaco Orlando che gli assessori Mangano e Mattina sono stati ben disponibili ad assicurare per la loro parte un fattivo impegno.
“La giornata – ha rimarcato l’assessore regionale Mangano – non deve essere un punto di arrivo, ma la prima tappa di un percorso che vedrà i vai soggetti ad un confronto propositivo, dopo il ritardo annoso da parte delle istituzioni regionali”.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna