Rubavano rame da una villa di campagna, arrestati due monrealesi

Per uno è stata disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, l’altro è ai domiciliari

MONREALE, 17 ottobre – I carabinieri della compagnia di Monreale hanno arrestato in flagranza di reato, per furto in abitazione, due monrealesi, Mohamed Taeib Yanoubli, 26enne di origine tunisina e Luciano Billetta, 22 anni.

I militari dell’Arma, durante un servizio di controllo del territorio, transitando nei pressi di un villino isolato, situato nelle campagne di Pioppo, frazione di Monreale, hanno sorpreso i giovani che approfittando dell’assenza dei proprietari, dopo essersi introdotti nell’abitazione, erano saliti sul tetto ove si trovavano delle lunghe grondaie in rame che avevano divelto.
Il personale richiedeva subito l’intervento di un’altra pattuglia in ausilio e prontamente raggiungeva l’abitazione riuscendo a bloccare Billetta mentre sostava nei pressi della villa facendo da palo. Yonoubli, intento ad accatastare la refurtiva, alla vista dei carabinieri si è dato alla fuga a piedi nelle campagne limitrofe.

I militari della seconda pattuglia intervenuta, iniziavano nelle campagne di Pioppo un inseguimento a piedi, durato per alcuni minuti, e conclusosi con l’arresto del 26enne.
La refurtiva, del valore di migliaia di euro, è stata recuperata e restituita al proprietario della villa. Il rame ricavato dalle grondaie sarebbe stato destinato al mercato nero, ove avrebbe potuto fruttare cospicui guadagni.
A seguito dell’arresto i due, sono stati condotti di fronte al giudice per il giudizio direttissimo nel corso del quale è stata disposta la convalida dell’arresto e l’applicazione delle misure cautelari dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Billetta e degli arresti domiciliari per Yanoubli. Per entrambi il giudice ha disposto l’obbligo di risarcire il proprietario della villa dei danni arrecati alla sua abitazione.

 

FORM_HEADER

FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH