Violenza sessuale nei pressi di una discoteca, i carabinieri arrestano un giovane palermitano

Avrebbe abusato di una ragazza la notte del 17 novembre scorso

PALERMO, 10 settembre nel pomeriggio di oggi i militari della Compagnia Carabinieri di Partinico hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Khemais Lausgi, 30enne, cittadino italiano di origini tunisine, inteso “Gabriele Alì”, gravemente indiziato del reato di violenza sessuale commesso nella notte del 19 novembre nei confronti di una trentenne palermitana.

Secondo la ricostruzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo che ha diretto le indagini nella persona del piemme Brandini, Lausgi, approfittando del “gravissimo stordimento dovuto all’assunzione di alcool e droga” in cui versava la donna, costringeva la stessa a subire atti sessuali completi, procurandole nella circostanza lesioni ragionevolmente dovute ai reiterati tentativi della donna di sottrarsi alla violenza.
Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti a seguito di una complessa attività di indagine, l’aggressione si sarebbe consumata all’interno dell’area parcheggio della discoteca Mob Disco Theatre di Villagrazia di Carini tra le 4 e le 8,30 del mattino del 19 novembre 2017.
Secondo modalità allo stato non chiarite, la ragazza avrebbe poi raggiunto il comune di Balestrate, dove era in corso un after party.
In stato confusionale e coi vestiti strappati, la ragazza veniva soccorsa e trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Partinico dove le veniva data prima assistenza.
Determinante per il buon esito dell’attività di indagine si rivelava l’esito degli accertamenti effettuati dal Reparto Carabinieri di Investigazione Scientifiche: il profilo genetico presente sia sugli indumenti intimi che sul corpo della donna era difatti certamente compatibile con l’indagato.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna