• Prima pagina
  • Sport
  • Calcio
  • Il Palermo cade in casa contro il Savoia: prima sconfitta stagionale, ma a vincere non è lo sport

Il Palermo cade in casa contro il Savoia: prima sconfitta stagionale, ma a vincere non è lo sport

0-1 il punteggio finale. Al 75’ Diakite interrompe l’imbattibilità dei rosanero

PALERMO, 10 novembre – La prima sconfitta stagionale per il Palermo arriva dopo 10 vittorie consecutive, proprio tra le mura amiche, contro un Savoia che fin dai primi secondi di gara ha cercato di spostare la dimensione agonistica sul nervosismo. Tuttavia, oggi, il vincitore è soltanto il Savoia e non il gioco del calcio.

Un pomeriggio finito male per i rosanero e cominciato altrettanto per alcuni dei 17.049 tifosi – questo il dato ufficiale degli spettatori – che si sono recati allo stadio Renzo Barbera, a causa dell’inefficiente gestione della società che si occupa del “servizio di controllo e disposizione pubblico negli spalti”, che  ha rinunciato ad attivare ulteriori tornelli, nonostante l’affluenza, permettendo loro di raggiungere il proprio settore soltanto dopo il fischio d’inizio, previsto per le 14,30.

Le aquile rosanero di mister Pergolizzi, a scendere in campo dal 1’, sono 1 Pelagotti, 23 Doda, 19 Lancini, 24 Crivello, 27 Vaccaro, 73 Kraja, 8 Martin, 6 Martinelli (cap.), 14 Ficarrotta, 9 Ricciardo e 75 Felici, in maglia nera e pantaloncino bianco.
Il tecnico del Savoia, Carmine Parlato, risponde invece con 99 Coppola, 3 Oyewale, 6 Poziello, 10 Cerone, 18 Gatto, 19 Guastamacchia, 21 Osuji, 23 Dionisi, 27 Rondinella, 29 Tascone e 58 Scalzone, con divisa dai colori invertiti rispetto ai padroni di casa.

Comincia, dunque, il match valido per la 11a giornata di campionato di Serie D – girone I, diretto dall’arbitro varesino Andrea Calzavara, assistito da Giorgio Ermanno Minafra di Roma 2 e dal monzese Alessandro Antonio Boggiani.
Una partita “maschia”, è questo il diktat trasmesso da parte dei 22 uomini in campo, sin dal primo secondo di gioco. Nei primi minuti, Ficarrotta, trova per ben due volte lo specchio della porta avversaria ma non il gol. Ad illudere in un primo momento il pubblico rosanero, ci pensa Ricciardo quando al 6’ riceve una verticalizzazione centrale rasoterra da parte di Vaccaro dal centrocampo, battendo con un piatto il portiere campano: l’assistente, però, alza la bandierina. Dopo 3’, Rondinella prova una botta dalla destra, senza impensierire troppo l’estremo difensore rosanero. Qualche attimo dopo, il regista Martin, falcia da dietro Osuji sulla trequarti, beccando il primo cartellino giallo della partita, un cartellino che condizionerà il match del francese – oggi poco incisivo – per il resto della gara.

Ritmi alti da parte delle due compagini e tanto nervosismo: dal 20’, il baricentro della squadra di casa, si sposta verso la metà campo torrese, con il Palermo che costringe il Savoia a giocare con le ripartenze, grazie al possesso palla. Una partita incattivita dentro il campo – in seguito a delle scelte discutibili di Calzavara - e fuori, considerando che alla mezz’ora, i tifosi campani occupavano il settore ospiti: tre fumogeni accesi e lanciati in meno di 10’, un bilancio che va in conflitto con il meticoloso e stressante filtraggio sottoposto al pubblico palermitano, lungo i tornelli.

Il Savoia si affaccia per la seconda volta nella porta rosanero soltanto al 38’ nuovamente con Rondinella, che su corner basso fallisce un rigore in movimento spedendo alta la palla in curva Sud. È il 44’ di gioco quando il direttore di gara – nonché direttore della sceneggiatura della “tragedia” andata in scena sul palcoscenico più importante dell’intera Serie D – perde definitivamente il controllo della partita, in seguito ad un fallo subito da Martinelli, facendo scaldare gli animi in campo.

La prima frazione di gara, termina subito dopo il colpo di testa di Scalzone che manda la palla tra le braccia Pelagotti, sul risultato di 0-0.

Al 52’ Diakite, subentrato a Scalzone nella ripresa, prova un colpo di testa su cross dalla destra, mandando la palla di niente fuori dallo specchio. Dal 70’ di gioco, il Palermo resta in 10 uomini: su presunto fallo di Oyewale ai danni di Ficarrotta, il numero 14 rosanero restituisce da terra un pestone al giocatore nigeriano. Rosso diretto per il giocatore palermitano e niente sanzione al numero 3 del Savoia.
Da questo momento in poi, le valutazioni del fischietto di Varese, diventano sempre più opinabili favorendo, frattanto, la tattica della squadra campana: poco calcio e tante sceneggiate. Quando l’orologio segna il minuto 75, il Savoia regala la gioia ai propri tifosi quando, su verticalizzazione di Guastamacchia, Crivello e Lancini si lasciano scappare Diakite che, introducendosi all’interno dell’area di rigore, defilato calcia di piatto la sfera battendo il numero 1 rosanero.

Nessuna reazione d’orgoglio da parte dei padroni di casa, forse condizionati dall’inferiorità numerica e dall’arbitraggio. Pergolizzi, per dare una scossa, è costretto a sacrificare il Pelagotti mandando tra i pali Fallani, per permettere l’ingresso in campo del “vecchio” Carlo Alberto Santana, al posto di Felici, mantenendo 4 under in campo, secondo le direttive della LND: 1 calciatore classe 1999, 2 calciatori classe 2000, 1 calciatore classe 2001.

Pochi i minuti giocati durante la seconda frazione di gioco, tra contatti e perdita di tempo. Al minuto 86, su errore dalla destra, dopo una rimessa laterale, Fallani si distende sull’angolo sinistro dopo il tiro di Diakite, dopo aver saltato Doda. Successivamente, Osuji, mancherà clamorosamente il raddoppio, calciando dalla sinistra, fuori dalla porta.
Dopo 6’ di recupero, arriva, insieme al triplice fischio, la prima sconfitta della capolista, che si ferma a quota 30 punti in classifica, a 9 punti dal secondo posto occupato dall’Acireale, dal Biancavilla e dal Troina, a 21 punti. Un Palermo che rientra negli spogliatoi, comunque, tra gli applausi del Renzo Barbera, nonostante la sconfitta.

Di seguito, i risultati della 11a giornata di Serie D – girone I e la classifica aggiornata:

Biancavilla 1-1 Acireale
Cittanovese 3-1 San Tommaso
Corigliano 1-4 ACR Messina
FC Messina 0-2 Castrovillari
Licata 1-0 Troina
Marina di Ragusa 1 – 0 US Palmese
Palermo 0-1 Savoia
Roccella 0-1 Marsala
Nola 0-1 Giugliano

Palermo 30
Acireale 21
Biancavilla 21
Troina 21
Savoia 20
Giugliano 19
Licata 18
ACR Messina 17
FC Messina 14
Marsala 14*
Castrovillari 13
Nola 13
Cittanovese 13
Marina di Ragusa 10
San Tommaso 8*
Corigliano Calabro 8
Roccella 6
Palmese 5

FORM_HEADER

FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH