Giuseppe Romanotto - Orizzontale 2019

Una strada intitolata a Monsignor Cataldo Naro

Lo ha deciso la giunta comunale in prossimità nel quarto anniversario della scomparsa 

MONREALE, 22 settembre - Sono passati quattro anni dall’improvvisa, prematura morte dell’arcivescovo di Monreale, Cataldo Naro, spentosi il 29 settembre 2006, ed il Comune lo ha voluto ricordare con alcune iniziative promosse con la Curia Arcivescovile di Monreale, prime fra tutte l’intitolazione di una strada accanto al Duomo sotto l’Arco degli Angeli. La delibera è stata approvata stamane dalla giunta presieduta dal sindaco Filippo Di Matteo.

Naro fu Arcivescovo di Monreale dal 2002 al 2006, morì, all’età di cinquantacinque anni. Storico della Chiesa, fu anche preside della facoltà teologica di Sicilia S.Giovanni Evangelista. E’ un atto sentito – ha dichiarato il sindaco Filippo Di Matteo - verso un uomo che ha svolto una missione pastorale importante, grazie al suo talento umano ed intellettuale”.
Naro era stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1974 per il clero della diocesi di Caltanissetta.

Ha svolto un intenso impegno pastorale nella sua diocesi di origine: ha insegnato Storia e Filosofia presso il Liceo del Seminario di Caltanissetta ed è stato rettore della Chiesa di S. Giuseppe in San Cataldo. Dal 1986 al 1989 ha ricoperto l’incarico di Prefetto degli Studi dell’Istituto Teologico Diocesano e dal 1989 al 1991, era ben conosciuto in Sicilia per la sua attività accademica. La Conferenza Episcopale Italiana lo nominò consulente del Servizio nazionale per il progetto Culturale, nonché del Consiglio d’Amministrazione del quotidiano Avvenire e del Comitato scientifico delle Settimane Sociali. Oltre a collaborare con i giornali La Sicilia, L'Osservatore Romano e Avvenire, monsignor Naro ha pubblicato studi aventi carattere prevalentemente storico e riguardanti la storia della Chiesa in Sicilia.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna