Minaccia i pazienti di uno studio medico con una pistola giocattolo: arrestato

Una telefonata al 113 ha fatto arrestare Marcello Genna

PALERMO, 22 agosto - La Polizia di Stato, stamani, ha tratto in arresto Marcello Genna (nella foto), 46enne palermitano di via Porta di Castro, pluripregiudicato, perché responsabile del reato di rapina aggravata in concorso. L'uomo, intorno a mezzogiorno, con una pistola, poi risultata giocattolo, bene in vista nella cinta, è entrato nei locali di uno studio medico, all'ammezzato di un edificio di corso Tukory ed ha letteralmente tenuto sotto scacco una decina di pazienti, in attesa di visita.

L'uomo ha "radunato" i presenti, segretaria compresa, all'interno di in uno stanzino e li ha minacciati di consegnare denaro e monili.
L'allarme è stato fatto scattare con una chiamata al "113", da un paziente, peraltro cardiopatico, presente all'atto dell'irruzione dell'uomo che è riuscito a fuoriuscire dallo studio poco prima che la situazione degenerasse.

Nel giro di una manciata di minuti, tre equipaggi di polizia avevano circondato lo stabile ed un quarto era già entrato nei locali dell'ammezzato dove era già in corso una colluttazione tra il malvivente ed alcuni dei presenti ribellatisi alla violenza dell'uomo. Genna è stato così ammanettato ed assicurato alla giustizia.

Sul conto del malvivente risultava per altro un provvedimento di rintraccio, motivato dall'arbitrario allontanamento dell'uomo, lo scorso 18 giugno, da una casa lavoro cui era stato affidato, per la commissione di un precedente reato.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna