Partinico, tenta di uccidere un bengalese, arrestato nigeriano al centro di accoglienza

Lo ha colpito con una bottiglia rotta. La vittima guaribile in 30 giorni, salvo complicazioni

PARTINICO, 8 settembre - I carabinieri della locale Compagnia hanno tratto in arresto un giovane 22enne, cittadino nigeriano, ritenuto responsabile dei reati di tentato omicidio e lesioni personali aggravate nei confronti di un suo coetaneo, cittadino bengalese 23enne.

E’ accaduto nella notte tra venerdì e sabato, all’interno della mensa del centro di accoglienza “Cas Welcome”, ubicato a Partinico in viale Aldo Moro, dove erano ospitati i due extracomunitari, che per futili motivi provocavano una violenta colluttazione nel corso della quale il cittadino nigeriano, impugnando una bottiglia in vetro rotta ad un’estremità, avrebbe colpito ripetutamente il suo rivale il cittadino bengalese in varie parti del corpo. Proprio quest’ultimo, per le gravi lesioni riportate, veniva trasportato d’urgenza presso l’ospedale Civico di Partinico, e giudicato dai sanitari del pronto soccorso di Partinico per aver riportato “varie ferite lacero contuse in regione dorsale destra e centrale, spalla destra, spalla sinistra, al gomito di destra, linea ascellare e labbro superiore” e giudicato guaribile in 30 giorni, salvo complicazioni. Mentre, il cittadino nigeriano, riportava una “ferita lacero contusa alla ragione frontale, con prognosi di 7 giorni, salvo complicazioni.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna