Telecamere in azione, individuati altri casi di abbandono di rifiuti

Continua il lavoro della task-force della Polizia Municipale

MONREALE, 4 novembre – “Il decoro della città, e in particolare del centro storico, deve essere una priorità di tutta la popolazione. Per questo motivo è indispensabile per chi non rispetta le regole sia sanzionato: l’attenzione per il bene comune è la base per un rilancio di Monreale”.

Con queste parole il sindaco Alberto Arcidiacono commenta la notifica delle sanzioni che proprio in queste ore si sta eseguendo per l’abbandono di rifiuti grazie ad una intensa attività di controllo della Polizia Municipale sull’abbandono illecito dei rifiuti dove si sono riscontrati altri casi di illecito abbandono da parte di cittadini monrealesi nonostante nei mesi scorsi era già stata avviata una campagna di sensibilizzazione ed erano state elevate delle multe.

Grazie alle telecamere di videosorveglianza, dove sono apposti i relativi cartelli “Zona video sorvegliata” presenti in diverse zone del territorio sono state identificate altri cittadini che continuano a commettere le infrazioni, permettendo al corpo di Polizia Municipale di effettuare le sanzioni previste , che prevedono il pagamento di importi fino a 600 euro per chi non conferisce correttamente o abbandona i rifiuti. Tutto cio’ è stato possibile grazie alla sinergia degli assessorati alla polizia Municipale guidata dall’assessore Taibi e quello dei Servizi a Rete guidato da Salvatore Grippi su direttive del sindaco Alberto Arcidiacono il quale sulla vicenda ha anche dichiarato che gli uffici in questi giorni stanno proseguendo alla visione dei filmati delle telecamere per identificare altri trasgressori in azione nel mese di ottobre. “Mi sembra doveroso ringraziare tutti quelli che hanno permesso di arrivare a questo importante risultato – ha concluso Alberto Arcidiacono – mi riferisco chi con meticolosa attenzione vigila e segnala in tempo reale abbandoni di rifiuti”.

 

COMMENTS_LIST_HEADER  

#1 Cittadino di via regione siciliana Lunedì, 04 Novembre 2019
Purtroppo ci sono molti cittadini non educati a fare la differenziata e ciò ne comporta le conseguenze, il comune con i propri dipendenti potrebbe educare e aggiornare i cittadini formandoli a fare la differenziata, Come si può si può fare: scegliere per ogni zona della cittadina monrealese un capo zona (anche un cittadino della zona) per la differenziata, istruirlo e formarlo così che lo stesso una volta formato formerà tutti gli altri della zona impartendo metodi comportamentali di come fare la differenziata, sarebbe un metodo vincente e sicuro. A tutto questo il comune deve mettere a disposizione tutto il necessario che occorre per la riuscita di che trattasi.
Io la differenziata l'ha faccio già da mesi anche se non occorre visto che ho ancora a disposizione il contenitore dell'immondizia sotto casa, la cosa più vergognosa e che vengo da varie zone di monreale a conferire sotto casa mia dove appunto si trova questo maledetto contenitore e cioè uno, qui vengono a conferire alcuni ortofrutticoli, ragazzi con motori che lasciano le pizze ma anche grandi sacchi neri di rifiuti, rifiuti di bar, panifici ecc.e cittadini che portano anche la differenziata anzichè portarla al centro ecologico. Ci vuole rispetto per i molti abitanti che vivono in via regione siciliana per intendersi dalle cabine al CRES, la cosa più odiosa è stato il conferimento di un recipiente di eternit lasciato a bordo strada accanto al contenitore da mesi e che ancora si trova li a contatto di molti residenti della zona. Un saluto a tutti quelli che fanno la differenziata auspicando che altri seguono il programma della differenziata.
BUTTON_QUOTE

FORM_HEADER

FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH